Nuova clinica Annunziatella

Casa di cura accreditata

Liste di attesa

CRITERI INSERIMENTO NELLA LISTA D’ATTESA HOPSICE

Criteri inserimento in lista d'attesa - Hospice
Criteri di gestione della lista d’attesa
I criteri di priorità sono i seguenti:
URGENZA
Indicatori sociali d’urgenza:

  • Paziente che vive solo o con famigliare anziano poco o non autosufficiente
  • Abitazione non idonea alle condizioni cliniche del paziente
  • Grave difficoltà, anche transitoria, della famiglia
Indicatori clinici d’urgenza:
  • Sintomi molto disturbanti non ben gestibili a domicilio
  • Aspettativa di vita inferiore a 2 settimane
  • Grado di dipendenza fisica (Karnofsky < 40)

PRECEDENZA

  1. Pazienti in situazione meno protetta ( non ricoverati in strutture sanitarie);
  2. Pazienti in assistenza domiciliare cure palliative;
  3. La prima segnalazione deve fornire le seguenti indicazioni minime: nome e cognome, data di nascita, residenza del paziente; patologia principale; indicazioni al ricovero in Hospice; nome cognome e recapito, anche telefonico, di chi segnala; eventuali annotazioni supplementari;
  4. La segnalazione è seguita, di regola, dall’invio in Hospice dell’apposito modulo di richiesta di PRESA IN CARICO;

MOTIVO DEL RICOVEROPRIORITA'
Sintomo acuto non controllato, da malattia o iatrogeno.1
Situazione di terminalità non gestibile in altro assetto. 2
Aggiustamento terapeutico necessario, ma non acuto.3
Sollievo alla famiglia presumibilmente temporaneo.4
Impossibilità a permanere a domicilio (paziente solo o famiglia inabile o impossibilitata all'assistenza, in modo permanente).5
Gestione "logistica" di terapie (radioterapia, cicli di chemioterapia) in pazienti con difficoltoso spostamento da casa.6

La precedenza nel ricovero è data all'indice di priorità 1 e poi, a seguire, in ordine crescente.

DOCUMENTI NECESSARI:

Presa in Carico per l’assistenza Hospice, Documento d’identità - Documentazione medica - Tessera sanitaria .

Al momento dell’ingresso ogni ospite verrà accolto dal personale infermieristico che si prenderà cura di illustrare le modalità per la fruizione dei servizi.

In caso di indisponibilità immediata di posti letto, i pazienti segnalati per il ricovero in Hospice vengono inseriti in una lista d’attesa gestita secondo le modalità indicate di seguito.

Il ricovero in Hospice è legato alla verifica preliminare della presenza di almeno due delle seguenti condizioni:

  • Malattia evolutiva a prognosi infausta, con aspettativa di vita presumibilmente inferiore ai 90 giorni.
  • Presenza di sintomi fisici che non consentono o sconsigliano il trattamento domiciliare e per i quali non è indicato il ricovero in strutture per acuti.
  • Impossibilità, transitoria o definitiva, della cura a domicilio per ragioni di ordine sociale, psicologico o ambientale.
  1. L’inserimento di un nominativo in lista d’attesa è effettuato dal Responsabile o da un Medic dell’Hospice o dall'Infermiera Coordinatrice, compilando l’apposito modulo e seguendo l’ordine cronologico.
  2. La segnalazione del paziente da inserire in lista d’attesa può avvenire a opera dei medici curanti (MMG, medici ospedalieri, medici dei servizi di assistenza domiciliare), dei famigliari, o dei servizi sociali ospedalieri o comunali.
  3. La prima segnalazione deve fornire le seguenti indicazioni minime: nome e cognome, data di nascita, residenza del paziente; patologia principale; indicazioni al ricovero in Hospice; nome, cognome e recapito, anche telefonico, di chi segnala; eventuali annotazioni supplementari.
  4. La segnalazione è seguita, di regola, dall’invio in Hospice dell’apposito modulo di richiesta Presa in Carico o comunque di adeguata documentazione clinica e/o sociale e da un colloquio con i famigliari di riferimento.
  5. L’insieme delle notizie cliniche e sociali permette una valutazione dell’urgenza del ricovero, espressa da un punteggio che tiene conto dei criteri sotto elencati.

PRINCIPI ETICI E DEONTOLOGICI

I principi fondamentali che ispirano le cure in Hospice sono:

  • Il rispetto dell’autonomia, dei valori e della cultura del paziente e della sua famiglia.
  • La creazione e il mantenimento di un rapporto tra équipe curante e paziente basato sulla comunicazione, la trasparenza e la condivisione degli obiettivi della cura.
  • L’attenzione non solo ai bisogni fisici del paziente ma anche a quelli emozionali, psicologici, sociali e spirituali.
  • Il sostegno alla famiglia attraverso un’opera di informazione, consiglio, aiuto pratico e formazione continua.
  • La personalizzazione, la continuità e l’intensità delle cure per ridurre al minimo la sofferenza e il disagio.
Il ricovero in Hospice è legato alla verifica preliminare della presenza di almeno due delle seguenti condizioni:
  1. Malattia evolutiva a prognosi infausta, con aspettativa di vita presumibilmente inferiore ai 90 giorni;
  2. Presenza di sintomi fisici che non consentono o sconsigliano il trattamento domiciliare e per i quali non è indicato il ricovero in strutture per acuti;
  3. Impossibilità, transitoria o definitiva, della cura a domicilio per ragioni di ordine sociale, psicologico o ambientale;
  4. La prima segnalazione deve fornire le seguenti indicazioni minime: nome e cognome, data di nascita, residenza del paziente; patologia principale; indicazioni al ricovero in Hospice; nome cognome e recapito, anche telefonico, di chi segnala, eventuali annotazioni supplementari;
  5. La segnalazione è seguita, di regola, dall’invio in Hospice dell’apposito modulo di richiesta o comunque di adeguata documentazione clinica e/o sociale e da un colloquio con i famigliari di riferimento;
  6. Dall’insieme delle notizie cliniche e sociali viene fatta una segnalazione d’urgenza;